Le tariffe, appena confermate, per l’accesso alla ZTL di Lerici (SP) dimostrano ancora una volta la dedizione con cui i cittadini non residenti, considerati evidentemente cittadini di serie B, vengano costantemente penalizzati e perseguitati con specifici trattamenti che nulla hanno a che fare con la logica ed il buonsenso.

Con una lettera datata 9 dicembre 2015, che esordisce con le parole “Visto l’approssimarsi della scadenza dell’attuale Pass …” (che scadeva il 30 novembre 2015, n.d.r.), recapitata da Poste Italiane solo verso la metà di gennaio 2016 (precisamente il giorno 11 gennaio), la Polizia Locale lericina ci informa che i termini per il pagamento del Pass di accesso alla ZTL scadranno il 23 Dicembre 2015 e che ogni ritardo nel pagamento sarà sanzionato. Peccato che il 23 dicembre, al momento del ricevimento della lettera, sia passato ormai da quasi 20 giorni.

La lettera prosegue con varie intimazioni (attenzione a non sbagliare i dati, diffida dal recarsi presso gli uffici comunali, richiamo ai presupposti legittimi, …) che rendono il tutto grottesco e brutalmente burocratizzato.

Presi dallo sconforto e dalla paura di sbagliare, oltre che un po’ arrabbiati per il solito trattamento che ci viene riservato (come cittadini e per di più di serieB) interroghiamo dapprima l’Amministrazione, con una mail all’indirizzo indicato nella lettera. In tempi sospettosamente brevi, l’Amministrazione risponde che la colpa è di Poste Italiane (figurarsi se la colpa non è sempre degli altri!) e che comunque i termini erano stati prorogati fino a fine gennaio. Nessun altro dettaglio, nessuna firma. Nessuna scusa.

Non ci resta che andare sul sito del comune per cercare conferme o ulteriori informazioni: non l’avessimo mai fatto!

Metà delle tipologie di pass citate nella lettera non compaiono sul sito e viceversa, i link alle tariffe finiscono nel vuoto, puntando a inesistenti tabelle degli anni precedenti, i moduli caricati chiedono informazioni contraddittorie (ad esempio per quelli relativi al solo transito) e, soprattutto, non c’è traccia delle scadenze per il rinnovo, né quelle originali, né tanto meno quelle modificate. Insomma, una totale confusione.

Ma la vera assurdità di tutto il sistema sono le tariffe (fortunatamente indicate nella lettera):

  • se possiedi un posto auto e sei residente, paghi 6 €, se non sei residente ne paghi 120: vuol dire 20 volte di più! Questa tipologia di pass comprende anche la possibilità di sostare in città, nei posti pubblici. Un non residente abita (e parcheggia) in genere in altro comune, però paga 20 volte di più di un residente, che verosimilmente userà i posti pubblici molto più frequentemente.
  • Se ci si accontenta del solo transito, sempre in possesso di un posto auto privato, si pagano 30 € se residenti, 60 € se non residenti: qui la logica si inverte e sfugge definitivamente. Passi per i non residenti, che hanno uno sconto del 50% se non utilizzano i parcheggi pubblici, ma un residente che rinuncia a parcheggiare per strada e vuole parcheggiare solo nel suo posto privato, viene penalizzato tassandolo 5 volte di più: 30 € anziché 6.! Qualcuno ci spiega perché? E’ un invito al parcheggio selvaggio? Logica vorrebbe che anche lui usufruisse di uno sconto del 50%, pagando solo 3€.
  • Se invece non si possiede un posto auto, il residente paga 15€ (perciò è questo il valore di un anno di sosta in luogo pubblico!), mentre il non residente ne paga 200: se non è persecuzione questa! Si tenga conto poi che i posti disponibili continuano a diminuire, sostituiti da passi carrai (veri o presunti), carico e scarico, posti riservati e così via, di fatto rendendo quasi impossibile trovarne qualcuno nel raggio di un chilometro. Dopo aver pagato i 200€, naturalmente.

Ma la vera ciliegina su questa torta di sistema sta qui: chiunque può entrare, con qualunque auto, comunicando ai varchi (o addirittura il giorno dopo) che si sta recando presso un posto auto privato (vero o meno, nessuno lo sa), dichiarando il numero di targa, senza pagare nulla!

Il sospetto è che chi decide queste regole lo faccia mentre gioca ai dadi.

PS: dimenticavo. Io sono un non residente e pago il solo transito, avendo anche un posto auto privato. Ogni volta che scendo a Lerici, trovo l’auto di un residente parcheggiata nel mio posto: ci sarà un pass speciale anche per questa categoria? O sarà pura maleducazione a costo zero?

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sabato, Dicembre 07, 2019

Cerca

 

 

Documenti

Accesso Utenti

Newsletter

Se ti vuoi iscrivere alle nostre Rubriche, seleziona quelle che ti interessano e lasciaci il tuo indirizzo di mail


Ricevi HTML?

Joomla Extensions powered by Joobi